closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Partiti trasparenti, fondazioni no

Passa alla camera una riforma piccola piccola. Che il Pd vota quasi da solo e che saluta con eccessiva enfasi: l'aspettavamo da 70 anni

La camera dei deputati

La camera dei deputati

«Una legge attesa da settant’anni». Serve tutta l’enfasi del partito democratico per cercare di richiamare un po’ di attenzione sulla nuova legge sui partiti, quella che neanche più la maggioranza definisce «attuazione» dell’articolo 49 della Costituzione. Una legge piccola piccola, nemmeno più sul «metodo democratico» che la Costituzione prevede come regola della vita interna dei movimenti politici e che mai si era voluto fino a qui precisare. Non c’è più l’obbligo di statuto, che sarebbe stata una norma studiata contro il Movimento 5 Stelle, e la soglia della trasparenza si ferma prima dell’ingresso nelle fondazioni, che resteranno così la cassaforte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.