closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Partinico, ancora un’aggressione razzista

Ottavo caso in un mese e mezzo, stavolta un senegalese richiedente asilo è stato picchiato da sette italiani al grido di "sporco negro". Le opposizioni di sinistra: "La responsabilità è di Salvini"

Il murales apparso ieri a Roma raffigura Salvini in tonaca da prete e crocifisso

Il murales apparso ieri a Roma raffigura Salvini in tonaca da prete e crocifisso

È successo in Sicilia, stavolta. Ieri a Partinico (Palermo) un cittadino senegalese di 19 anni, Dieng Khalifa, sbarcato in Italia due anni fa dopo essere fuggito da un campo di detenzione in Libia e richiedente asilo, ha denunciato ai carabinieri di essere stato aggredito giovedì da alcuni italiani mentre lavorava servendo ai tavoli di un bar in piazza Santa Caterina. Erano in sette contro uno. Prima gli hanno tirato le orecchie, poi mentre uno del gruppo lo teneva fermo gli altri lo hanno preso a calci e pugni. E nel frattempo gridavano «vattene via sporco negro, torna al tuo paese»....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.