closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Parte la lettera per Bruxelles. La risposta del governo è no

Manovra. La legge di bilancio non cambia. La palla alla Ue: certa la procedura d’infrazione. Nessuna modifica delle stime. Unica novità, più investimenti per il risanamento

Il ministro dell’Economia Giovanni Tria

Il ministro dell’Economia Giovanni Tria

Un vertice veloce con Giuseppe Conte, i due vicepremier, i ministri Tria e Fraccaro, poi di corsa il cdm per ratificare e inviare l’attesa risposta a Bruxelles. La novità principale, per non dire l’unica, è un aumento degli investimenti per il risanamento. La annuncia Salvini un attimo prima del vertice e ci tiene a sottolineare che si tratta di una scelta autonoma, non di una concessione alle richieste dell’Europa. «C’è qualcosa da cambiare ma solo in base a quel che succede in Italia, ad esempio il maltempo. I danni rischiano di essere 5 miliardi. Dobbiamo mettere più soldi alla voce...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi