closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Parole come silhouettes

Poesia. La raccolta in versi «Come i coralli» di Nicoletta Bidoia e i suoi teatrini fatti a mano

La poetessa non è una donna che se ne sta con le mani in mano. Lavora. Nicoletta Bidoia in poesia scrive versi, in pratica, a libro chiuso, costruisce teatrini di carta. In entrambi questi mondi, s’aggirano figure leggère: parenti, sconosciuti tratteggiati sullo fondo della storia, ma troviamo anche figure celebri tratte dall’opera lirica, dalla danza, dalla letteratura: ciò che accomuna poesia e lavoro qui è la carta. Come foglio per la scrittura e come cosa materiale da tagliare, incollare, piegare in verticale: in ogni caso, sono pagine o architetture da cui emergono mondi fragili, sempre sul punto di crollare. Sono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi