closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Parigi- Berlino, asse asimmetrico

Francia. Bruxelles teme lo scontro con Parigi: significherebbe indebolire il governo e rendere difficile il percorso delle «riforme». E anche i tedeschi si interrogano

La Francia è considerata «il malato» d’Europa. Il giudizio viene ripetuto a Bruxelles, Berlino e Londra. Le pressioni della Commissione aumentano su Parigi, accusata di aver presentato una finanziaria 2015 in deficit eccessivo (4,3% del pil, mentre la promessa di rientrare nel 3% è rimandata di nuovo di due anni, questa volta al 2017). Bruxelles minaccia la Francia di chiedere modifiche al budget – altri 8 miliardi di tagli, oltre i 21 previsti - mentre in caso contrario ci potrebbe essere l’apertura di una procedura per deficit eccessivo (c’era già stata nel 2009, assieme a Grecia, Spagna e Irlanda), seguita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.