closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Parchi, legge attesa, da criticare, non da buttare

Chi ha paura di mettere mano alla legge sui parchi? Noi no. Chi nei parchi vive e lavora, chi si è battuto per la loro istituzione, li anima e li presidia non ha timore di un processo di riforma. È passato un quarto di secolo da quella norma, durante il quale il territorio protetto in Italia è passato dal 3 all’11%. Soprattutto, è cresciuta anche la funzione dei parchi nella società. Avevamo visto giusto nel chiedere con forza la creazione di un sistema di aree protette per tutelare e creare sviluppo. Il terremoto ha evidenziato, quanto sia ricca la rete di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi