closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Il papa: «La guerra è peggio del terrorismo»

Assisi. Ad Assisi per celebrare la Giornata mondiale per la pace, papa Bergoglio condanna i conflitti in corso. «Giorno e notte le bombe cadono e uccidono bambini, anziani, uomini e donne»

«Tutti, con la guerra, sono perdenti, anche i vincitori». Si è conclusa con una severa condanna della guerra, sottoscritta dai leader religiosi di tutto il mondo, la Giornata mondiale di preghiera per la pace che si è svolta ieri ad Assisi, a conclusione di un meeting di tre giorni promosso dalla Comunità di Sant’Egidio e dai francescani. Cristiani, ebrei, musulmani, induisti, buddhisti (ma non c’era il Dalai Lama, non invitato evidentemente per non turbare il percorso di riavvicinamento fra Santa Sede e Pechino), oltre 500 rappresentanti delle diverse religioni del mondo si sono ritrovati trent’anni dopo il primo incontro convocato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi