closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Paolo Sorrentino: «Ogni volta che giro un film vorrei far ridere e piangere»

Cannes 68. Il regista parla del film come di una grande storia d'amore «ma in realtà ho troppi pudori»

Raquel Weisz e Paolo Sorrentino

Raquel Weisz e Paolo Sorrentino

«Ogni volta che mi metto a scrivere un film vorrei che fosse sia commuovente che divertente. Ma soprattutto divertente». Il desiderio di Paolo Sorrentino, in concorso a Cannes, è esaudito dal pubblico della proiezione stampa di Youth: si ride molto, e gli applausi sono tanti, anche se controbilanciati da qualche fischio agguerrito. Il suo primo lavoro dopo il premio Oscar La grande bellezza è un film in cui tornano, in una dimensione più intima e personale, quelli che Sorrentino definisce «dei temi che mi stanno molto a cuore». «Questa magari è un’opera più semplice di quelle precedenti - continua- ma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.