closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Paolo Pecere, riti di possessione che mimano il rovesciamento dell’ordine costituito

Saggi. «Il dio che danza», da Nottetempo

Seguendo una parabola fatta di qualche decennio di studi e disparati viaggi, Il dio che danza di Paolo Pecere (Nottetempo, pp. 340,€ 18,00) racconta quel fenomeno antichissimo e universale che è la trance da possessione indotta dalla danza e dalla musica, praticata nell’antica Grecia in nome di Dioniso, il «dio folle» che al contempo «dispensa gioia» e «libera» dai margini fragili dell’io e delle norme sociali. Come nelle nostre società contemporanee, a varie latitudini e in vari continenti, questi riti coreutici siano ancora oggi perpetuati e innervati di conflittualità e resistenza, è la domanda del testo, che passa per l’osservazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.