closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Paolo Pecere, riti di possessione che mimano il rovesciamento dell’ordine costituito

Saggi. «Il dio che danza», da Nottetempo

Seguendo una parabola fatta di qualche decennio di studi e disparati viaggi, Il dio che danza di Paolo Pecere (Nottetempo, pp. 340,€ 18,00) racconta quel fenomeno antichissimo e universale che è la trance da possessione indotta dalla danza e dalla musica, praticata nell’antica Grecia in nome di Dioniso, il «dio folle» che al contempo «dispensa gioia» e «libera» dai margini fragili dell’io e delle norme sociali. Come nelle nostre società contemporanee, a varie latitudini e in vari continenti, questi riti coreutici siano ancora oggi perpetuati e innervati di conflittualità e resistenza, è la domanda del testo, che passa per l’osservazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi