closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Pandemia Trump nell’America senza salute pubblica

Stati Uniti. Più attento al Dow Jones che all'evoluzione del virus, il presidente statunitense schiera privati, industrie farmaceutiche e case di distribuzione in prima linea: tamponi nei percheggi dei Wal Mart Rischio bancarotta per le famiglie

L’annuncio dello stato di emergenza davanti alla Casa bianca è stato bizzarro e indicativo. Dalla sfilata di direttori d’azienda messi davanti alle telecamere è stato chiaro che nella versione di Trump l’emergenza sarebbe gestita dalla camera di commercio. I manager di case farmaceutiche e catene di distribuzione erano stati convocati per assicurare che le loro società avrebbero garantito i servizi necessari in una «grande partnership pubblico-privata». L’eufemismo è fin troppo familiare nel paese che affronta la pandemia senza una rete di salute pubblica. La sensazione netta invece continua ad essere quella di sbando e improvvisazione. In assenza di direttive precise...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.