closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Pandemia e animali, i focolai degli allevamenti industriali

Virus. Malattie un tempo rare sono diventate quasi una disciplina: ogni tecnologia una malattia diversa. Nel 1970 allevamenti con 7mld di animali, nel 20011 salivano a 24mld

Allevamenti intensivi

Allevamenti intensivi

Come per la Sars, esplosa in Cina a inizio millennio, il contatto con gli animali selvatici sembra sia all'origine della malattia che attacca i polmoni. Dovremo perciò evitare in avvenire le pratiche e le occasioni che portano ad avere rapporti con tali creature. Raccomandazioni ormai ovvie. Ma basta questo? Noi dimentichiamo che proprio in casa nostra, non nella giungla amazzonica o nelle campagne della Cina, coltiviamo focolai di malattie potenzialmente epidemiche. Chi si ricorda delle epidemie legate agli allevamenti intensivi europei, come l' Encefalopatia Spongiforme Bovina (Bse), quella prodotta dalla Salmonella DT104, dall'Escheria coli 0157, ecc.? Andrebbe ricordato che l'industrializzazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi