closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Palmira minata. Sono altri i santuari da abbattere

Le rovine dell’antico centro siriano di Palmira sarebbero state minate dall’esercito nero dell’Isis. Due mausolei - di un altro Islam - distrutti. Emerge una guerra dominata dalla contemporaneità del petrolio e intrecciata nei diversi Islam. Prosegue la distruzione degli idoli «pagani». L’ultimo il magnifico leone di Al’Lât, del primo secolo d.C., raffigurazione di una delle tre divinità pre-islamiche, assieme ad al-Uzzà e al Manâh, ricordate dallo stesso Maometto nella Sûra 52 (19-20) del Corano. Le notizie si inseguono. C’è chi nega che la città romana - peraltro a suo tempo colpita anche da bombe damascene - sia stata minata. Ma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.