closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Palinsesto esistenziale coi coetanei e i maggiori

autobiografie narrative. Dal Friuli e da Casarsa a Roma; da Venezia alla pianura padana; dal Marocco alle Alpi... Torna, presso l’editore Ronzani, «Il treno del buon appetito», memoriale di Nico Naldini

Filippo De Pisis, «Veduta con figure», datazione incerta, collezione privata

Filippo De Pisis, «Veduta con figure», datazione incerta, collezione privata

«La cosa più inaspettata che accada a chi entra nella vita sociale, e spessissimo a chi v’è invecchiato, è di trovare il mondo quale gli è stato descritto, e quale egli lo conosce già e lo crede in teoria». Queste righe, amare e disilluse, compongono l’ultimo pensiero affidato da Giacomo Leopardi al suo Zibaldone il 4 dicembre 1832: e proprio tale nota conclusiva è obliquamente riferita da Nico Naldini nell’epilogo fantasmatico del suo Il treno del buon appetito, divagante memoriale uscito per Guanda nel 1996 e oggi proposto dall’editore Ronzani di Vicenza, in una ristampa assai curata, con un’intensa prefazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi