closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Palcoscenici occupati fra proteste e altre politiche

Teatro. I lavoratori dello spettacolo al Globe Theatre, Piccolo e Mercadante e il confronto con l’onda francese

«La vostra è politica sì, ma politica alta ed altra». Queste le parole con cui Aboubakar Soumahoro, sindacalista ivoriano fondatore della Lega dei braccianti, è intervenuto alla seconda Agorà cittadina del Globo Theatre di Roma, occupato mercoledì dai lavoratori e dalle lavoratrici dello spettacolo. Tra i momenti di confronto anche il collegamento con il teatro dell’Odéon, occupato a Parigi lo scorso 4 marzo e divenuto l’epicentro della protesta, insieme alle altre due realtà italiane occupate ovvero il Piccolo di Milano e il Mercadante di Napoli. A VOLERLE NOTARE, alcune differenze emergono: laddove i lavoratori e le lavoratrici lombarde hanno stilato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi