closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Italia

Palazzina Liberty e non solo, Milano piange il suo giullare

L’addio della sua città . Lutto cittadino. Da questa mattina e fino a domani la camera ardente al Teatro Strehler. «Si è battuto contro l’affermazione secondo cui la cultura dominante è quella della classe dominante. I suoi lavori nascono dalla cultura popolare per essere restituiti al popolo».

Dario Fo in un comizio degli anni '70

Dario Fo in un comizio degli anni '70

Sarà lutto cittadino. Questa volta niente di più lontano dalla solita formula di rito che lascia indifferenti: Dario Fo non c’è più. Se n’è andato ieri mattina a 90 anni in una stanza dell’ospedale Luigi Sacco di Milano dove era ricoverato da qualche giorno in seguito a complicazioni polmonari. Lucido fino all’ultimo. Dicono i medici che prima di morire cantava una strana canzone e che ogni giorno si faceva leggere i giornali per essere sul pezzo. Si informava, a Dario Fo tutti continuavano a chiedere di tutto. Il figlio Jacopo ha fatto riferimento al «gran finale» di suo padre, non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi