closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Paesaggio umbro con cascate

Reportage. Un percorso ternano, in ferrovia, bus di linea e con l’eterno «cavallo di san Francesco». Fino alle Marmore, tra boschi e borghi antichi

Vide, Leonardo da Vinci, l’arcobaleno delle Marmore che accompagna pacifico il tumulto della cascata più alta d’Europa sullo sfondo di montagne, boschi e borghi di pietra? È una domanda «di attualità», vista la recente ipotesi che l’artista-scienziato si trovasse lì, e non nella sua Toscana, quando realizzò il celeberrimo disegno Paesaggio con fiume, nel 1473. Davanti al triplo salto di 165 metri, l’occhio leonardesco era il più adatto ad apprezzare la ricaduta paesaggistica dell’opera idraulica creata nel terzo secolo a.C., quando il console romano Curio Dentato fece bonificare la piana reatina creando un canale di congiunzione fra i fiumi Velino...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi