closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Padoan punta sull’1% del Pil e va avanti senza l’Ufficio parlamentare del bilancio

Legge di bilancio. Indietro non si torna a poco meno di due mesi dal referendum costituzionale del 4 dicembre. Nell’audizione di ieri in Parlamento sulla Nota al Def ha scartato le articolate perplessità dell’Ufficio parlamentare del Bilancio (Upb) che solo la settimana scorsa aveva giudicato la stima del governo ispirata a un «eccessivo ottimismo».

Il ministro dell'economia Pier Carlo Padoan

Il ministro dell'economia Pier Carlo Padoan

Sulla roulette della prossima legge di bilancio il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan continua a puntare tutte le carte sull’1% del Pil nel 2017. Indietro non si torna a poco meno di due mesi dal referendum costituzionale del 4 dicembre. Nell’audizione di ieri in Parlamento sulla Nota al Def ha scartato le articolate perplessità dell’Ufficio parlamentare del Bilancio (Upb) che solo la settimana scorsa aveva giudicato la stima del governo ispirata a un «eccessivo ottimismo». L’analisi dei dati disponibili, ad oggi, sulla crescita porterebbe invece a «ipotizzare rilevanti scostamenti in eccesso della crescita reale e nominale anche per il 2018»....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi