closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Oxfam nella bufera, scricchiola anche la poltrona del presidente

Terremoto di Haiti per la ong britannica. Mark Goldring rimette il proprio mandato nelle mani del cda e dovrà comparire davanti a una commissione parlamentare per giustificare il proprio operato

Mark Goldring

Mark Goldring

Il tracollo di Oxfam, da faro della beneficienza occidentale a bieco sfruttatore di quei deboli che dovrebbe tutelare e difendere, continua inesorabile, trascinando nel fango l’intero settore. Dopo le dimissioni della vice presidente Penny Lawrence, accettate lunedì, a poco è servita la contrizione mediatica del numero uno Mark Goldring, a sua volta sull’orlo delle dimissioni. È appena emerso che fosse perfettamente al corrente della pratica, da parte di dirigenti e funzionari dell’organizzazione non governativa, di estorcere/comprare sesso ad Haiti nel post-terremoto del 2010. Se effettivamente sapeva e ha scelto di non far nulla, come il resto dei vertici, il suo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi