closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Ottantanove», la moviola della democrazia

Teatro. La rivoluzione può attendere al Fabbricone dove è andato in scena lo spettacolo di Elvira Frosini, Daniele Timpano e Marco Cavalcoli

Una scena dello spettacolo Ottantanove

Una scena dello spettacolo Ottantanove

La rivoluzione può attendere. Al Fabbricone di Prato l’attesa si protrae per alcuni minuti. Un incipit assordante che sembra non voler finire mai. Uno stop premonitore o solo una provocazione da agitprop? Però l’interrogativo finale aleggia: chi farà scattare la scintilla? Elvira Frosini, Daniele Timpano e Marco Cavalcoli la chiamano Ottantanove e provano a spiegarlo. Soprattutto ai giovani, i giovanissimi, quelli del terzo millennio, anche se in sala di adolescenti non se ne vedono. Il teatro ha fallito, la rivoluzione pure. Due facce della stessa medaglia. Anche se, come dicono in coro i tre, «piano piano poco poco passo passo»...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.