closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ortega si libera anche dell’ultima avversaria

Nicaragua. Arresto e candidatura inibita per Cristiana Chamorro, che in poche settimane aveva raggiunto il 21% nei sondaggi. La tragedia politica nicaraguense continua

Il presidente nicaraguense Daniel Ortega con la vicepresidente (nonché consorte) Rosario Murillo

Il presidente nicaraguense Daniel Ortega con la vicepresidente (nonché consorte) Rosario Murillo

«In Nicaragua - recita un adagio popolare - il piombo galleggia e il sughero affonda». E in effetti è ogni volta difficile farsi una ragione, in questo caso, della messianica deriva di Daniel Ortega rispetto al primus inter pares che era fra i nove della Direccion Nacional dell’epoca rivoluzionaria. Sta di fatto che gli eventi stanno precipitando in vista delle presidenziali del prossimo 7 novembre. Cristiana Chamorro, figlia della ex presidente Violeta Barrios de Chamorro, è stata posta agli arresti domiciliari con l’accusa di riciclaggio, inibendo così la sua candidatura. DA TEMPO ORTEGA e la sua vice (nonché consorte) Rosario...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi