closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Oro e miseria, il grande paradosso dello Zimbabwe è intatto

Aumentano il contrabbando e le morti nelle miniere illegali. Il 60% della valuta estera che entra nel Paese viene dal mercato aurifero. Ma è un sistema instabile e malato che non è migliorato dopo Mugabe

La ricerca dei dispersi da parte dei parenti nella miniera di Bindura

La ricerca dei dispersi da parte dei parenti nella miniera di Bindura

Nonostante la detronizzazione e la morte di Robert Mugabe il grande paradosso dello Zimbabwe è rimasto intatto. L'avere immense ricchezze minerarie nel sottosuolo e la quasi totale incapacità di sfruttarle a dovere risollevando il paese africano dalla crisi economica è un male ormai cronico, aggravato dalle lotte di potere, dalla corruzione, dall'abusivismo, dall'inefficienza, dalla violenza. Un settore, quello minerario, tanto instabile quanto ricco: nel settore dell'oro il valore delle sole perdite annuali, dovute al contrabbando, è pari a 1,5 miliardi di dollari. Dal 2013 il mercato dell'oro è sottoposto al monopolio della Banca Centrale attraverso la Fidelity Printers and Refiners...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.