closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Orban, il premier di un urlante neoliberismo

Saggi. «L’Ungheria di Orban» di Massimo Congiu per Ediesse edizioni. Il sogno della grande nazione magiara in un paese che ha eletto il revisionismo storico a ideologia di stato

Foto Reuters

Foto Reuters

Parlare dell’Ungheria vuol dire oggi affrontare il ventre molle e nero della costruzione comunitaria europea. Nella cornice del conflitto intestino, tra paesi del sud e del nord dopo l’esplodere della crisi finanziaria del capitalismo internazionale scoppiata negli Stati Uniti e da lì diffusasi nel Vecchio Continente. Mentre, a pochi passi, riecheggiano gli scontri armati in Ucraina, edizione di una nuova guerra fredda alimentata dall’unica reale costruzione occidentale, l’Alleanza atlantica, contro non più il comunismo, sepolto tra le rovine dei paesi a socialismo realizzato dell’est, ma contro il peso politico e soprattutto economico della rinata Russia (nonché della Cina). È su...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi