closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ora tocca al «numero nove»

Cina. Il repulisti di Xi Jinping. Sotto tiro per «crimini economici» Zhou Jongkang, alleato di Bo Xilai. Ex esponente dell’Ufficio Politico del Politburo, già capo della sicurezza e «anima nera» di Hu Jintao e Wen Jiabao

Zhou Yonkang

Zhou Yonkang

Zhou Yongkang, ex numero nove dell’Ufficio Politico del Politburo cinese, già a capo del mega apparato di sicurezza cinese, sarebbe sotto inchiesta per crimini economici. La notizia è un ordigno clamoroso dentro le beghe del Partito Comunista, benché Zhou non sia particolarmente noto in Occidente; anzi, l’ex numero nove è stato la vera e propria anima nera, dietro ai ben più conosciuti Hu Jintao e Wen Jiabao. Il teorema del «mantenimento della stabilità» che ha portato a dieci anni di arresti e repressione, sbandierato dal duo al potere nel decennio d’oro è stato intessuto proprio da Zhou Yongkang, uno degli...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi