closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Ora lo dice Berlusconi: resistere, resistere, resisto

Governo. Niente passo indietro del Cavaliere. Ma nuove richieste di clemenza a Napolitano. E più forti pressioni su Letta perché convinca il Pd a salvarlo. Il Pdl vuole rinviare a dicembre il voto in giunta sulla decadenza

Silvio Berlusconi nella sua residenza romana

Silvio Berlusconi nella sua residenza romana

La resistenza berlusconiana è appena cominciata. Si muoverà su due fronti, uno politico e l’altro tecnico. Con un unico obiettivo immediato: allontanare il voto della giunta del senato sulla decadenza del cavaliere. Che altrimenti avrebbe un esito scontato, come scontata è l’interpretazione del decreto legislativo Monti-Severino che dall’inizio di quest’anno sbarra le porte delle assemblee elettive (parlamento italiano, ma anche europeo e consigli regionali e comunali) ai condannati a più di due anni per reati gravi. Come Silvio Berlusconi, definitivamente, dal 31 luglio scorso. Sul fronte politico il Pdl sta esercitando ogni pressione possibile per far cambiare idea al Pd,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi