closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Opti Poba, Bingo Bongo e la deumanizzazione

Il «racism row» del candidato alla presidenza della Figc Tavecchio è solo l’ultimo dei tanti pregiudizi di cui è intrisa la società italiana nei confronti dei cittadini stranieri

«Opti Poba è venuto qua che prima mangiava le banane e adesso gioca titolare nella Lazio». Non è una barzelletta di pessimo gusto. È la sconcertante frase che Carlo Tavecchio, 71enne presidente della Lega Nazionale Dilettanti, ha pronunciato pochi giorni fa durante l’assemblea in cui presentava la sua candidatura alla guida della Figc. "Una gaffe, uno scivolone", l’hanno definita in molti. L’espressione giusta invece è solo una, quella usata dal quotidiano inglese The Guardian: «racism row», discorso razzista. Nonostante la vicenda venga trattata prevalentemente in ambito sportivo, la vera questione è quella che esce dal campo di calcio. La frase...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.