closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Opere nell’oscuro, problema ricettivo dell’Ottocento

Rosella Mamoli Zorzi – curatrice insieme a Katherine Manthorne del volume From Darkness To Light. Writers In Museum 1798-1898, Open Book Publishers, prossimamente in versione edizione italiana per la Società Dante Alighieri. Sia James che Ruskin si dolevano di non poter apprezzare le opere d’arte, data la scarsa illuminazione dei contesti... Un volume a più voci sull'intrigante problema

Visita notturna al Museo-Gypsotheca Antonio Canova, Possagno

Visita notturna al Museo-Gypsotheca Antonio Canova, Possagno

«Andai a Treviso, a Bassano, a Castelfranco; feci passeggiate a piedi e in carrozza, visitando vecchie chiese ammuffite con dipinti male illuminati». Così racconta il protagonista del Carteggio Aspern,il romanzo breve di Henry James che si svolge nella Venezia decadente di fine Ottocento. Il problema della cattiva, forse pessima illuminazione dei dipinti in Italia è sempre stato molto sentito dallo scrittore americano che, già quando era arrivato nella città lagunare nel 1869, aveva scritto una lunga lettera al fratello William in cui gli diceva che le opere di Tintoretto erano quasi sempre difficili da ammirare perché «atrociously hung & lighted»....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.