closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Operai immigrati sfruttati e picchiati nel pratese

Lavoro nero. In una pelletteria di Poggio a Caiano condizioni di lavoro indegne, arrestati i gestori cinesi, denunciati due imprenditori italiani che subcommissionavano le lavorazioni destinate a una griffe della moda. Turni di 15 ore, pagamenti al nero e vessazioni. Indagini partite dopo la denuncia di tre operai africani.

L'ennesimo caso di lavoro nero

L'ennesimo caso di lavoro nero

La denuncia di tre immigrati africani alla locale Camera del lavoro, e di qui alla magistratura requirente, ha acceso i riflettori sull'ennesimo caso di sfruttamento e di violenze in una delle miriadi di aziende terziste del comprensorio pratese, in questo caso una pelletteria di Poggio a Caiano. I tre operai si erano rivolti alla Cgil lamentando le degradanti, indegne condizioni di lavoro all'interno della ditta, intestata a una prestanome ma di fatto gestita da una coppa di coniugi di origine cinese, inquadrati ufficialmente come dipendenti. Le indagini dei finanzieri del Nucleo economico-finanziario hanno portato all'arresto della moglie, finita ai domiciliari,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.