closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Ong divise, solo in due firmano il Codice-salvataggi

Codice a sbarre. Msf rifiuta le nuove regole: contrari alla presenza di agenti armati a bordo delle navi e al divieto di trasbordo dei migranti

Alla fine solo due Ong - Save the Children e Moas - hanno accettato di firmare il codice di comportamento messo a punto dal Viminale per i salvataggi in mare. Medici senza frontiere ha scelto infatti di non accettare le nuove regole e lo stesso ha fatto la tedesca Jugen Rettet. Tutte le altre Ong, Sea-eye, Sea Watch e Sos Mediterranée, peraltro assenti alla riunione di ieri pomeriggio al ministero degli Interni, starebbero ancora valutando il da farsi, mentre disponibilità a firmare il Codice sarebbe stata dichiarata via mail in serata dalla spagnola Proactiva open arms. L’accordo tra Ong e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi