closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Omicidio Ferrulli, chieste condanne pesanti per gli agenti di polizia

Giustizia. Il pm del tribunale di Milano, Gaetano Ruta, ha chiesto sette anni di carcere per i quattro poliziotti che tre anni fa uccisero Michele Ferulli. L''uomo è morto di infarto in seguito alle percosse, documentate anche da un filmato girato da una telecamera. La figlia Domenica: "Non ci sentiamo più soli, lo stato è dalla nostra parte. Spero che vengano condannati e che non portino più la divisa"

Tre anni fa, il 30 giugno 2011, a Milano, in via Varsavia, quattro poliziotti hanno ammazzato un uomo di 51 anni. Secondo l'accusa si tratterebbe di omicidio preterintenzionale. Si chiamava Michele Ferrulli, è morto per arresto cardiaco, lo hanno colpito più volte dopo averlo immobilizzato in mezzo a una strada. Gli agenti sono Francesco Ercoli, Michele Lucchetti, Roberto Piva e Sebastiano Canizza. La soluzione di questo omicidio, contrariamente alle vicende processuali relative ad altri omicidi commessi da uomini in divisa, non è stata complicata: oltre a diverse testimonianze di persone che hanno sentito Ferrulli mentre urlava per le botte, ci...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.