closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Omessa bonifica», sequestrata Eni Rewind

Falde inquinate. La raffineria di nuovo sotto accusa. Il procuratore Asaro: ministero e regione non hanno controllato i lavori

Fa discutere, e potrebbe avere risvolti molto significativi, il sequestro preventivo disposto nella giornata di ieri dalla Procura della Repubblica di Gela. Con l’accusa di omessa bonifica, reato previsto dall’art.452 ter del codice penale, la procura avrebbe riscontrato, mediante complessi accertamenti tecnici, la mancata attuazione e il mancato monitoraggio del progetto di bonifica delle acque di falda, all’interno dell’area dell’ex stabilimento petrolchimico di Gela. Si tratta di un progetto approvato dal ministero dell’Ambiente nel 2004, e al quale avrebbe dovuto provvedere Eni Rewind, la consociata del cane a sei zampe che si occupa, tra le altre cose, di realizzare le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.