closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Omaggio a Nureyev», da «Don Chisciotte» al «Lago dei cigni»

Danza. La serata da domenica 28 in streaming sul sito della Scala per una settimana

Virna Toppi, Nicola Del Freo e il corpo di ballo

Virna Toppi, Nicola Del Freo e il corpo di ballo

Il rapporto d’amore tra Rudolf Nureyev e il Teatro alla Scala iniziò una sera del 1965: Rudi, l’iconoclasta, l’artista focoso, indomabile e domatore, è Romeo al fianco di Margot Fonteyn. Un debutto rimasto nella storia. Negli anni Nureyev tornò tante volte al Piermarini, da danzatore e coreografo: le sue rivisitazioni dei grandi classici restano inconfondibili per le difficoltà distribuite ai protagonisti come agli ensemble, per il piglio e l’approfondimento psicologico dei ruoli maschili, per la relazione quasi vorace con la musica, che fosse Cijakovskij o Prokof'ev, Minkus o Glazunov: «A ogni nota un passo» è il classico motto che ancora...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi