closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Oltre Sel, una leadership collettiva

Sinistra. Una convenzione aperta a tutti, con movimenti, forze militanti delle tante solidarietà disperse ma anche delusi del Pd

È il momento di costruire una sinistra nuova, di andare oltre Sel e le altre forze che abbiamo conosciuto in questi anni. Facendo tesoro della esperienza della lista Tsipras, con tutti i suoi limiti e con il suo risultato collettivo, ma disegnando un campo più aperto – inclusivo e accogliente – capace di essere punto di coagulo anche per chi nel Pd si è convinto di essere definitivamente irriducibile a Renzi e alle sue politiche populiste che scivolano a destra.

Tutto questo evitando il rischio del “basismo” inconcludente e in alcuni casi settario che ha attraversato il dopo elezioni europee.

Ed evitando un politicismo manovriero basato sulla disponibilità di qualche nuovo leader taumaturgico o sulle micro fratture del Pd (per ora solo auspicate) con conseguente fuoriuscita di qualche suo esponente.

Sel – con la generosità di chi non pensa di essere un partito, ma di giocare una partita – può incarnare questo ruolo, non solo mettendosi al servizio, ma condividendo un processo fatto di soggettività sociali e domande di rappresentanza politica che porti a un campo nuovo della sinistra senza aggettivi capace di attrarre movimenti, forze militanti delle tante solidarietà disperse ma anche chi nel Pd non ce la fa più a sottostare al ricatto del «dopo di me il diluvio» di Renzi: la manifestazione di Sel per il lavoro può essere un passaggio fondamentale in questa direzione.

Un nuovo campo della sinistra deve fondarsi soprattutto sul radicamento nei processi e nei conflitti sociali: per dirla con Pino Ferraris «la sinistra o è sociale o non è». Conflitti e processi che sono quelli che da tempo si sono aperti e sedimentati sul terreno del lavoro, della crisi economica e sociale, della povertà e del disagio diffuso nel paese. La crisi è drammatica e i dati della crescente disoccupazione, della chiusura delle fabbriche, della deflazione, dell’aumento della povertà son ben noti. La manifestazione della Cgil e della Fiom del 25 ottobre è un passaggio fondamentale.

La nota di variazione del Def conferma tutte le falsità e le illusioni degli annunci del governo Renzi di questi mesi: tutte le previsioni ottimistiche si sono dimostrate fallaci e velleitarie e tutti i dati drammatici della condizione economica e sociale del paese sono stati invece confermati. Il Def è il certificato di fallimento dell’azione di governo.
Renzi sta portando – sulla scia di Berlusconi di 10 anni fa – gli attacchi conclusivi all’art. 18 e ai diritti del lavoro, a una democrazia parlamentare veramente plurale e rappresentativa e all’idea stessa di rappresentanza sociale. La delegittimazione dei sindacati è la stessa che prima Thatcher e Reagan e poi Bush, hanno selvaggiamente praticato in Gran Bretagna e negli Stati uniti negli anni ’80. La divisione tra le generazioni ne è un ingrediente sostanziale. La precarizzazione ulteriore del mercato del lavoro (o meglio, dei lavoratori) non crea più occupazione, ma solo migliori condizioni di sfruttamento per le imprese.

Il populismo new age di Renzi ha ben poco di sinistra: senza ideologia e valori, ancorato alla gestione dell’esistente e di un potere che vuole durare a prescindere, può continuare a prosperare grazie all’assenza di un’alternativa credibile. Non quella di Berlusconi, suo alleato strategico in questi mesi e di cui è stato interprete fedele sui passaggi delle riforme istituzionali e del lavoro. Non quella di Grillo, che sta spegnendo una speranza di cambiamento nell’impotenza di un populismo sterile e speculare. Non ancora quella di una sinistra – troppo piccola e a seconda dei casi troppo politicista e troppo minoritaria – capace di rialzare la testa. Quando Renzi dice che bisogna dare certezza al costo dei licenziamenti per attrarre investimenti, considera il lavoro merce tra le merci negando l’intelligenza, l’emancipazione è la dignità del e nel lavoro. Quando Renzi rivendica il diritto al licenziamento per l’impresa rimuovendo il diverso rapporto di potere tra datore di lavoro e lavoratore spinge verso il basso della scala sociale tutti i lavoratori che negli ultimi due secoli l’avevano faticosamente risalita. E a Matteo Orfini che ci ricorda che gli elettori di sinistra non vogliono nuovi partiti diciamo che gli elettori di sinistra non sapevano di votare per dare certezza di licenziamento agli imprenditori e che si può sentirsi orfani ma non per sempre.

La sinistra se vuole essere utile deve rimettere il lavoro al centro e con esso i temi correlati alla crisi economica e sociale che stiamo attraversando: i diritti, la democrazia, la riconversione ecologica dell’economia, una «coalizione dei diritti e del lavoro», come l’ha chiamata Vendola ieri sulle colonne di questo giornale. È necessario aprire una convenzione, subito, prima possibile aperta a tutti e capace di coagulare nuove forze e far iniziare il processo di un nuovo campo della sinistra costruendo una leadership collettiva adeguata a questa sfida. Senza aspettare la data delle prossime elezioni o lo svolgimento dei congressi di partito. E questa volta senza subire la proposta, ma guidandone l’iniziativa.

  • Giacomo Casarino

    Renzi, Renzi, Renzi: sembrerebbe che l’infausta (per il popolo di sinistra) storia del PD cominci con il bulletto di Firenze. Non c’era Renzi quando il PD (l’attuale sua “sinistra”) ha votato i provvedimenti ultraliberisti di Monti; quindi qualcuno a Renzi gli ha spianato la strada. Questo versante politico non può far da sponda a nessun tentativo di rinascita della sinistra, è piuttosto destinato alla marginalità e, infine, all’estinzione. Il suo fallimento sta nell’idea anacronistica (Bersani) che sia ancora possibile, nella dimensione della globalizzazione, il riformismo come equilibrio tra capitale e lavoro. E’ poi estremamente significativo che nella proposta ventilata nell’articolo manchi addirittura la parola “Europa” e che il tutto si riduca negli angusti confini nazionali, il che rende la proposta di cui sopra quantomeno velleitaria.

  • Federico_79

    Ma cosa vuol dire che “siamo aperti ai dissidenti Pd”?
    Se i dissidenti uscissero realmente dal Pd, e venissero a bussare in SEL o in Rifondazione, mi pare chiaro che sarebbero accolti. Peró non lo fanno; stanno nel Pd e borbottano. E allora cosa significa che “gli apriamo”? Purtroppo vuol dire solo accettare ancora una volta l’ alleanza con il Pd e il suo programma liberista.

  • Giulio Pisani

    Il PD di Bersani, che ha approvato i provvedimenti ultraliberisti di Monti, era comunque il PD che si era formato sulle ceneri della DC e del PCI e qualunque segreteria non avrebbe potuto non tenerne conto. I dissidenti del PD fuori da questo partito si fondono con una sinistra radicale e la futura segreteria non potrà non tenerne conto. Si tratterebbe di un nuovo soggetto politico con all’interno equilibri ben diversi da quelli del PD. Quanto all’europa, basti ossevare che è stata citata invece la parola Tsipras e che chiaramente quindi un progetto di respiro europeo ci sarebbe eccome ed a me personalmente piace.

  • Giulio Pisani

    I dissidenti del PD in questo momento mandano segnali di fumo (vedi il numero di ieri e di oggi della rubrica “il caffè” sulla pagina personale di Corradino Mineo) ed aspettano altri segnali quali il presente articolo del Manifesto….. da cosa nasce cosa!

  • Hank Bukowski

    Che ci sia bisogno di un partito di sinistra, in Italia, non c’è dubbio. Sono tali e tanti gli sconquassi determinati dalla mono-cultura liberista dominante che diventa una follia suicida continuare a far finta di niente. Semmai, viene da chiedersi cosa cavolo fanno e pensano le persone libere, gli intellettuali, i lavoratori, le donne e i giovani che hanno ancora ideali e speranze. Come mai, cioè, non avvertano l’urgenza di una rigenerazione partitica, di una catarsi politica, di una rifondazione organizzativa ideale e progettuale? La mia risposta è semplice: la sinistra del popolo, la sinistra dispersa e sconfitta, la sinistra che vive per strada, sui posti di lavoro, nelle città disperate, come nelle periferie emarginate è disorientata e confusa. Ha ancora ideali e speranze, ma ha subito un trauma. E’ stata abbandonata dai padri, i quali sono fuggiti con l’amante tanto odiata: la destra liberista. Non è un trauma da poco, credetemi. Quella sinistra adesso è rabbiosa e rancorosa. Diffida di tutti. E forse insegue qualunquisticamente l’arrabbiato di turno. C’è di peggio che le élite intellettuali, i leader autorevoli, le avanguardie del pensiero politico che conferivano un fascino egemonico alla sinistra, sono ormai figure mitologiche, soppiantate, nella realtà quotidiana, da quelle penose contro-figure che popolano i talk show televisivi. In questo deserto ideale, dove avanzano i panzer ideologici dell’armata iper-liberista, ci sarebbe veramente bisogno di una sinistra vera, che sappia innanzitutto risvegliare la passione per la politica, il gusto per la partecipazione, il desiderio per la democrazia. Ma per far questo, per ri-costruire un contro-potere del popolo, c’è bisogno di leader autorevoli, di egemonia culturale, di un partito che non sia la sommatoria di tanti o pochi capibastone, o di personalismi sterili, o di carrieristi salottieri, o di siglette autoreferenziali, come siamo abituati a vedere (anche in SEL, anche in Rifondazionedi comunista). Perché noi, quelli di sinistra, abbiamo sete di progetti che facciano ritornare i sogni. Abbiamo sete di un’etica e di una prassi alternativi al puttanaio corrente. Abbiamo bisogno si sentirci antagonisti e anche un pò utopisti, ma non per snobismo, quanto per recuperare l’orgoglio di essere parte del popolo, parte di quella classe di umili, di lavoratori e di onesti, su cui poggia l’Italia e tutti i farabutti che la deturpano. Per finire, un appello: possibile che il patrimonio storico della sinistra debba ridursi al Pd? Possibile che gli “interlocutori” di una nuova sinistra debbano essere gli orsi polari che l’hanno uccisa? Possibile che la sinistra non sappia reinventarsi, che non sappia più essere motore ci cambiamento? Per favore, usciamo dagli schemi in cui le incrostazioni di un burocratismo impiegatizio ci hanno rinchiusi. Non si respira più!