closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Oltre il giardino del «populismo botanico»

Paesaggio. «I dubbi del giardiniere. Storie di slow gardening» di Paolo Pejrone, a cura di Alberto Fusari, per Einaudi

Phlomis

Phlomis

Tra anticipazioni di precoci, frenetiche fioriture, ma poi pure di fronte ai loro tardivi prolungamenti e assieme ai posticipi nella perdita autunnale dei fogliami, le sfasature del ritmo tra riposo invernale delle piante e sincopate riprese stagionali è indice, anche in giardino, della confusione climatica incombente. Intermittenze che ci dicono di uno stato di allerta permanente, di poche regolarità. Di un giardino del domani che, in un contesto repentinamente alterato, deve misurarsi con l’impoverimento dei suoli, la mancanza d’acqua, il riscaldamento delle temperature e la loro accelerata variabilità. E quindi ricorrere a specie e tecniche adatte e adattabili alle vocazioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.