closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Olanda, scontri e saccheggi contro il coprifuoco

Terzo giorno di scontri. Per le destre dietro le contestazioni ci sarebbe «la feccia, spesso immigrata»

Gli scontri e i disordini per le strade delle città olandesi, da Amsterdam a Den Haag, passando per altri centri minori, proseguono da giorni e hanno già portato all’arresto di centinaia di persone, oltre che a migliaia di sanzioni per la violazione del coprifuoco. È proprio questa misura, il divieto, cioè, di circolare dalle 21 alle 4.30 del mattino, adottata dal governo dimissionario del primo ministro Rutte, a aver scatenato la rabbia di quanti, soprattutto giovani, hanno animato le sommosse in varie città olandesi: grandi centri, come Amsterdam, Rotterdam o Den Haag, ma anche località dell’interno, come Den Bosch, Gouda,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi