closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Ogm, l’Europa apre ma concede ai singoli stati il diritto di dire di no

Lussemburgo. Il consiglio dei ministri dell'ambiente della Ue raggiunge un accordo politico che "ri-nazionalizza il transgenico". Il ministro Galletti canta vittoria, Assiobiotec si indigna, mentre per Slow Food e Greenpeace bisogna fare di più. Adesso la patata bollente passa al semestre di presidenza europea dell'Italia

Un compromesso geneticamente modificato. E' questo l'accordo politico raggiunto nel consiglio dei ministri dell'ambiente Ue che ieri si è riunito in Lussemburgo. L'Europa si prepara ad aprire le porte alle coltivazioni transgeniche ma in cambio concederà ai singoli stati il diritto di poterle vietare su una parte o sulla totalità del proprio territorio nazionale. La chiamano “rinazionalizzazione del transgenico”. Il ministro dell'ambiente italiano Gian Luca Galletti ha espresso soddisfazione. Prima dell'incontro ha twittato: “No ogm in Italia. Una partita da vincere come quelle del mundial in Brasile”. Incassato il voto del consiglio ha chiesto collaborazione a tutti gli stati per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.