closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il ricatto di Israele ai rifugiati è realtà

Israele . Diventa operativo l'emendamento alla "legge degli infiltrati", approvato in dicembre. Duecento richiedenti asilo africani dovranno comunicare la loro decisione: l'uscita "volontaria" dal Paese o la prigione.

Duecento eritrei saranno oggi i primi richiedenti asilo africani a dover comunicare alle autorità israeliane la loro decisione: l'uscita "volontaria" dal Paese o la prigione. Diventa operativo l'emendamento alla "legge degli infiltrati", approvato in dicembre, che ha sollevato polemiche e proteste, anche da parte di intelletuali, artisti ed esponenti religiosi - alcune famiglie si sono impegnate a nascondere in casa loro i richiedenti asilo - ma che gode, secondo un sondaggio, il sostegno del 66% degli israeliani. Forte del favore di 2/3 della popolazione, il governo Netanyahu non è arretrato di un metro rispetto a quanto ha deciso alla fine...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi