closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Odissea postmodernista di László Krasznahorkai

 André Kertész, da Surveillance

André Kertész, da Surveillance

Le retoriche del Nuovo Millennio, della tabula rasa che promette una verginità anche all’epoca sfinita in cui viviamo, ha prodotto in letteratura una conseguenza almeno apparentemente paradossale: ha mitologizzato il Novecento, facendone la cartina al tornasole per valutare ciò che è nuovo e ciò che non lo è. Nuovo, in questo nuovo inizio, è ciò che è vecchio: il gesto monumentale, la campata larga, di matrice modernista. Knausgaard, Cartarescu, Bolaño, Nádas, Tokarczuk, Énard, Esterházy sono gli autori che, a diverse latitudini, hanno lasciato la propria impronta sull’asfalto fresco del Duemila. È successo, ogni volta, con la loro opera che più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.