closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Ocse: «Raggiunto l’accordo sulla minimum tax», annacquata

L'accordo. Anche Ungheria, Estonia e Irlanda firmano

Sede Ocse a Vienna

Sede Ocse a Vienna

Nel 2023 ci sarà una tassa mondiale sui profitti delle multinazionali, la minimum tax, una riforma realizzata sotto l’egida dell’Ocse, già passata al G7, che dovrebbe essere approvata definitivamente dal G20 nella riunione di Roma a fine ottobre. Il simbolo è importante, la promessa era di mettere fine all’evitamento fiscale praticato dalle grandi società. Ma per convincere gli ultimi reticenti, Estonia, Ungheria e Irlanda, il testo è stato annacquato e fa dire a Oxfam che «quello che avrebbe potuto essere un accordo storico per mettere fine ai paradisi fiscali è un rabberciamento tra i paesi ricchi» che andrà a svantaggio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.