closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Obama, se vuoi la fine dell’embargo agisci

Cuba. Toni diversi a Washington e all’Avana a un anno dal «disgelo». Il Granma: basta scaricare le colpe sul Congresso. Il presidente Usa celebra l’anniversario e annuncia una possibile visita nel 2016. Ma la vera normalizzazione sarà «un lungo cammino»

Le bandiere cubana e statunitense dopo il disgelo

Le bandiere cubana e statunitense dopo il disgelo

Celebrando l’anniversario della distensione con Cuba, il presidente Obama ha di nuovo chiesto al Congresso degli Stati Uniti di «mettere fine all’embargo, eredità di una politica fallita». «Il cambio (nell’isola) non può avvenire da un giorno all’altro e la normalizzazione (dei rapporti con Cuba) sarà un lungo cammino», ma i risultati dei primi 12 mesi forniscono un’indicazione «sui progressi che possiamo ottenere» per «contribuire a migliorare la vita dei cubani». Per questa ragione, conclude la nota emessa ieri dalla Casa Bianca, «il prossimo anno continueremo su questa strada». All’Avana i toni della celebrazione sono stati più contenuti, se non polemici....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.