closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Obama grazia l’Arabia saudita

Medio Oriente. Il capo della Cia, John Brennan, ha dichiarato che non ci sono prove di un coinvolgimento di Riyadh negli attentati dell'11 settembre 2011. Eppure le indiscrezioni su un documento ancora secretato direbbero l'esatto contrario

È davvero grande l'influenza dell'Arabia saudita e delle altre petromonarchie del Golfo sugli Stati Uniti. Solo così si spiega la scelta fatta da Barack Obama di far sapere, attraverso il direttore della Cia John Brennan, che non ci sono prove di un coinvolgimento dell'Arabia saudita negli attentati di al Qaeda dell'11 settembre 2001 contro gli Usa. Un passo fatto mentre le indiscrezioni trapelate sino ad oggi indicavano l'esatto contrario. La vicenda aveva fatto infuriare Riyadh al punto da spingerla a minacciare il ritiro di investimenti e di fondi dagli Stati Uniti per centinaia di miliardi di dollari. Davanti alle telecamere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.