closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Obama difende Kaepernick: «È un suo diritto»

Stati uniti. L’uscita del presidente è politica, una risposta a Trump che dopo lo scoppio dello scandalo suggeriva all’asso dei 49ers di trovarsi un Paese che gli piacesse di più

Colin Kaepernick non è Muhammad Alì. Non lo sarà mai, non ha il peso, lo status e forse neppure la volontà di tracciare una strada nella vita civile americana come il fenomeno di Louisville ma in questo frame storico il gesto ripetuto del campione dei San Francisco 49ers che non si alza durante l’inno nazionale contro l’oppressione della comunità afroamericana da parte della polizia continua a far discutere, tra sostenitori e colpevolisti. C’è chi ha bruciato la sua casacca numero 7 dei 49ers, che al momento risulta essere anche la più venduta della Lega di football. C’è la polizia di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.