closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Obama, avanti tutta sull’immigrazione

Stati Uniti. Sfida al Gop con decreto: regolarizzati 5 milioni di «indocumentados». Saranno sospese le procedure di espulsione per i prossimi due anni nei confronti di chi è entrato nel paese prima di avere 16 anni e per i genitori di cittadini americani. Repubblicani all’attacco, ma con un occhio al voto ispanico per le presidenziali del 2016

Washington, la festa ispanica davanti alla Casa bianca durante il discorso di Obama

Washington, la festa ispanica davanti alla Casa bianca durante il discorso di Obama

«Rintracciare milioni di persone, arrestarle e deportarle non è un obbiettivo realistico e non rispecchia chi siamo come americani. Da oggi se rientrate nei nostri criteri potete uscire dall’ombra e vivere liberi». Così Barack Obama, ex senatore dell’Illinois, e dichiarato ammiratore di Abraham Lincoln, ha emancipato gli immigrati clandestini d’America. Il suo discorso alla nazione, trasmesso giovedì sera a reti unificate radio/tv e online, verrà ricordato come uno dei momenti chiave della sua presidenza che, per quanto ampiamente anticipato, ha provocato il previsto terremoto politico a Washington. I numeri Nel discorso pronunciato giovedì alla Casa bianca, ribadito ancora ieri in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.