closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Nuovo senato debole, governo fortissimo

Riforme. Il disegno di legge costituzionale di riforma del bicameralismo propone la degenerazione del modello camera delle autonomie. E contemporaneamente punta a ridurre ancorail potere legislativo del parlamento. In favore dell’esecutivo

Il disegno di legge di riforma costituzionale approvato in prima lettura al senato e attualmente in discussione alla camera è assai ampio e articolato. Mi limiterò qui a verificare la coerenza complessiva del modello prescelto, per poi soffermarmi su un unico aspetto specifico, particolarmente qualificante l’ampia revisione proposta. Per quanto riguarda il modello, la scelta compiuta dal governo - e recepita dal senato - è stata assai impegnativa. Non ci si è limitati infatti a decretare la fine del bicameralismo perfetto e ad escludere dal circuito fiduciario una delle due camere (il senato), prospettiva da tutti condivisa, ma si è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.