closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Nuovi scenari per il jazz

Musica. Varato dal ministero della cultura un fondo speciale di 500 mila euro. Ma nella capitale i tagli all'estate romana rischiano di far chiudere la Casa del Jazz

Forse l’11 giugno 2014 diventerà una data storica per il jazz italiano. Il ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo Dario Franceschini ha annunciato i programmi di festival e rassegne di jazz del Bel Paese per l’estate ’14 e presentato varie e significative iniziative, introdotto da Gianni Pini (presidente della Associazione i.jazz) e da Paolo Fresu (musicista, direttore artistico e membro del direttivo del Midj, riunisce i jazzisti italiani). Cifre, iniziative e nuovi orizzonti si schiudono, con parole e fatti, a un nuovo scenario per il jazz fuori dalla nicchia in cui era costretto e verso un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi