closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Nuovi elementi su Adriatici. «Ma la verità è nella memoria di una videocamera»

Voghera violenta. A due mesi dall’omicidio di El Boussettaoui si complica la posizione dell’assessore-sceriffo leghista

Massimo Adriatici

Massimo Adriatici

Sono passati ormai due mesi da quando Massimo Adriatici, assessore alla sicurezza di Voghera, ha ucciso a pistolettate Youns El Boussettaoui. Fin da subito, al politico leghista (che da allora si trova agli arresti domiciliari), venne contestato il reato di eccesso colposo di legittima difesa. Un capo d'imputazione che fin dalle prime mosse degli inquirenti era entrato in contraddizione con le scelte della procura, che aveva deciso la custodia cautelare per Adriatici intravedendo il rischio che l'assessore potesse ripetere il reato. Ma, appunto, in questi due mesi le indagini sono andate avanti, e sono proseguite anche le attività di inchiesta,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.