closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Nuova mannaia sui media: Ankara arresta i giornalisti di Cumhuriyet

Turchia. In carcere 11 dipendenti, tra cui il direttore. Mandato d'arresto per Dundar, all'estero. L'accusa è di aver commesso crimini a favore di Gulen e Pkk. Superano i 160 i media chiusi dal governo

La sede del quotidiano Cumhuriyet

La sede del quotidiano Cumhuriyet

Le purghe post-golpe in Turchia non sono mai finite. La campagna lanciata dal presidente Erdogan dopo il fallito colpo di Stato del 15 luglio ha fatto ieri altre vittime, ancora una volta tra la stampa indipendente: all’alba la polizia ha arrestato undici giornalisti del quotidiano Cumhuriyet, tra cui il direttore Murad Sabuncu, e ha poi vietato al resto dei media turchi di parlare dell’operazione. Il giornale era stato già colpito l’anno scorso quando l’allora direttore Dundar e il caporedattore Gul finirono in prigione per 90 giorni per aver pubblicato reportage sui legami tra servizi segreti turchi e gruppi islamisti in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.