closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Nozières, Blomberg, Teles

Loquasto International Film Festival. Impermeabile alle lusinghe della narrazione, disinteressato al confronto con l’oggettività (anche se plurale) del testo documentario, il cinema dell’indipendente Cyprien Nozieres («Vaucluse»,1982)...

Impermeabile alle lusinghe della narrazione, disinteressato al confronto con l’oggettività (anche se plurale) del testo documentario, il cinema dell’indipendente Cyprien Nozieres («Vaucluse»,1982) si muove concettualmente come estesa campitura visiva nei cui bordi racchiudere l’imprevedibile e immaginifico svolgersi del fenomeno naturale, stabilendo un legame immaginario con la ricchezza del creato a partire da una semplice contemplazione, una passeggiata, elementi da far interagire all’interno del processo creativo con gli strumenti dell’animazione, della sperimentazione sonora o del bricolage applicato. La voie lactèe (2020), il siderale percorso che dalla notte dei tempi è nello sguardo di chi si interroga sul mistero dell’universo subisce in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi