closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Noury (Amnesty): «Se l’Egitto non collabora l’Italia usi gli strumenti Onu»

Si dicono «certi della fermezza con la quale il nostro Governo saprà reagire a questa oltraggiosa messa in scena», i familiari di Giulio Regeni. Sono, come riferisce l’avvocata Alessandra Ballerini, «feriti ed amareggiati dall’ennesimo tentativo di depistaggio da parte delle autorità egiziane». Ma non sono soli: Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia che ha raccolto migliaia di adesioni nella campagna «Verità per Giulio Regeni», è incredulo davanti all’ultima sfrontata provocazione del regime di Al Sisi. È la prima volta che, tra le tante versioni egiziane sulla morte di Regeni fatte trapelare attraverso i media o fonti investigative, una "verità"...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.