closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Nordstream, due aziende italiane per aggirare le sanzioni

Gasdotto. L’inchiesta della «Deutsche Welle» svela come la Russia riuscirà a completare la pipeline sotto al Baltico nonostante l’embargo di Washington

La nave posatubi russa Akademik Cherskiy a largo di Wismar, città sul Mar Baltico nel Meclemburgo-Pomerania occidentale

La nave posatubi russa Akademik Cherskiy a largo di Wismar, città sul Mar Baltico nel Meclemburgo-Pomerania occidentale

Il Nordstream made in Italy. Ovvero come la Russia ha aggirato le sanzioni Usa sul gasdotto grazie a due aziende del Lombardo-Veneto. Un’inchiesta giornalistica svela per la prima volta il trucco che consentirà a Mosca di completare la pipeline sotto al Baltico nonostante l’embargo di Washington. Facendo emergere i dettagli dell’indispensabile supporto tecnico italiano, non esattamente in linea con l’atlantismo intransigente del ministro degli Esteri Luigi di Maio e del presidente del Consiglio Mario Draghi. CARTE DOGANALI ALLA MANO, nero su bianco ufficialmente: l’asse energetico fra Germania e Russia passa anche per l’Italia con il minimo di pubblicità e il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi