closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Non solo Rolling Stones, la nuova era dell’isola non omologabile

Cuba. L'arrivo della band apre la strada al altri eventi non solo musicali di portata mondiale. Ora tocca ai successori di Obama e Raúl Castro raccogliere il testimone della svolta politica

È  accaduto ciò che si aspettava da oltre mezzo secolo. Cuba e Stati Uniti tornano paesi non belligeranti, legati da reciproche influenze culturali. «Diversi ma amici», come ha detto Barack Obama in un efficace discorso al Gran Teatro dell’Avana nel quale ha liquidato i residui di «guerra fredda» e assicurato che «il futuro dell’isola è nelle mani dei soli cubani». In più, ha confermato che farà di tutto per convincere il Congresso americano a cancellare quello che resta dell’embargo economico più lungo della storia, già allentatosi dopo decine di provvedimenti bilaterali degli ultimi mesi. Obama non poteva evitare di aggiungere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.